raffreddore

Poche cose possono innervosirti come la combinazione:

fare sport e raffreddore.

Specialmente quando mal di gola, mal di testa e un naso chiuso distruggono i tuoi piani proprio quando hai finalmente trovato il tuo ritmo e ti stai allenando regolarmente.

Certamente ti fa arrabbiare, perché sai quanto sia dannoso smettere di allenarsi, di nuovo, e godersi un riposo non pianificato.

Indice:

  1. FARE SPORT CON IL RAFFREDDORE, È RACCOMANDABILE?
  2. QUANDO EVITARE SPORT ANCHE DURANTE UN RAFFREDDORE
  3. SI PUÒ COMBATTERE IL RAFFREDDORE CON UNA SUDORAZIONE ECCESSIVA?
  4. A COSA STARE ATTENTI DURANTE L’ALLENAMENTO CON IL RAFFREDDORE
  5. QUANDO TORNARE AD ALLENARSI DOPO LO STOP A CAUSA DEL RAFFREDDORE
  6. ALLENATI A CASA

FARE SPORT CON IL RAFFREDDORE, È RACCOMANDABILE?

Soprattutto nei mesi autunnali e invernali spesso ci si chiede se allenarsi con il raffreddore sia possibile, vietato o non raccomandabile.

Ne parliamo senza peli sulla lingua nelle prossime righe, scoprendo la regola d’oro che ci porterà alla risposta decisiva.

Ti anticipo già che effettivamente una risposta univoca non c’è.

Quindi ti consiglio di leggere questo post fino alla fine.

Ecco com stanno le cose:

il ruolo decisivo lo giocano sia l’individuo sia la situazione.

Senza cadere in generalizzazioni, esiste un semplice modo per capire se puoi comunque programmare il tuo allenamento durante un raffreddore seguendo una semplice strategia.

All’inizio è molto importante capire con cosa hai a che fare.

Non devi dimenticare che oltre al raffreddore, il tuo benessere può essere rovinato da qualcosa che in apparenza può sembrare simile.

L’influenza.

Sia il raffreddore sia l’influenza sono tra le più comuni infezioni virali del nostro apparato respiratorio, con conseguenze diverse sul nostro corpo.   

Per questo è un tuo compito concentrarti sui sintomi e capire cosa stia effettivamente minacciando il tuo benessere.

Mattia Gheri - Allenarsi con il raffreddore

I sintomi che sono associati al raffreddore sono soprattutto:

  • naso chiuso,
  • mal di testa episodici,
  • gola infiammata,
  • lo starnutire,
  • naso colante,
  • occhi che lacrimano, e anche
  • una leggera alterazione.

In caso di influenza la situazione è molto diversa – almeno per quel che concerne l’intensità dei sintomi. 

Sì, effettivamente i sintomi sia dell’influenza sia del raffreddore sono simili; quindi naso chiuso e gocciolante, gola infiammata e mal di testa, starnutire… In caso d’influenza, però, bisogna anche aggiungere:

  • una marcata spossatezza,
  • spesso forti dolori muscolari e
  • febbre alta (di solito tra i 38 e 40℃).

Questi sono i sintomi che ti segnalano che il tuo sistema immunitario è sotto una notevole pressione mentre sta combattendo contro i virus. Ciò significa che bisogna evitare qualsiasi ulteriore sforzo.

Quindi ricorda:

sport e influenza non vanno d’accordo.

Lo sport di per sé rappresenta per l’organismo uno sforzo non indifferente che fa in modo che un corpo sano diventi più veloce, forte e resistente.

Quando, però, il tuo sistema immunitario è già debilitato combattendo contro virus aggressivi, ogni ulteriore sforzo fisico rappresenta un ostacolo.

Ti consiglio, quindi, che ogni qual volta quest’indisposizione ti rovina i piani, lascia riposare il tuo corpo, altrimenti la situazione potrebbe complicarsi.

Questo non significa, però, che l’allenamento salta solo in presenza di influenza.

Anche in caso di raffreddore la prudenza non è mai troppa.

QUANDO EVITARE SPORT ANCHE DURANTE UN RAFFREDDORE

quando evitare sport anche durante un raffreddore

Il principale motivo di questa prudenza si nasconde in un paio di sintomi in comune all’influenza.

Di questi il più importante è sicuramente

una temperatura corporea più alta. 

Anche se in questo caso, comparata alla febbre in caso d’influenza, la temperatura non è troppo alta, ti sconsiglio comunque l’allenamento.

Come abbiamo menzionato poc’anzi, una temperatura corporea più alta è un chiaro segno che il tuo sistema immunitario è oberato, quindi ogni ulteriore sforzo va evitato.

SPORT CON RAFFREDDORE, MA SENZA FEBBRE

Quando l’alterazione non è uno dei disagi, allora è molto più probabile allenarsi senza preoccupazioni.

Soprattutto perché dalla decisione finale ti divide ancora un’unica semplice regola.

Ovvero

la regola del collo.

Se durante un raffreddore i tuoi disagi e sintomi rimangono più alti del tuo collo, quindi si verificano in parti del tuo corpo situate sopra ad esso, allora hai semaforo verde per cominciare l’allenamento.

In caso contrario è consigliabile aspettare ancora un po’.

Ricapitolando,

puoi allenarti se: hai un naso gocciolante o chiuso, hai un leggero mal di testa e/o mal di gola.

Non allenarti quando: fai fatica a respirare, hai dolori muscolari, una pesantezza nel petto e una forte tosse.

Queste informazioni non sono importanti solo per evitare un allenamento potenzialmente pericoloso.

Sono anche necessarie perché è un peccato saltare un allenamento.

Noto che sempre più persone fanno un errore fatale.

Ovvero usano un leggero raffreddore come scusa per saltare inutilmente uno o addirittura più allenamenti.

Di conseguenza escono dalla loro routine, cosa che può diventare  alquanto pericolosa.

spesso accade che saltare “solo un paio” di allenamenti

Questo in quanto

più allenamenti saltiamo più difficile sarà ritrovare il nostro ritmo vincente.

Non a caso spesso accade che saltare “solo un paio” di allenamenti per il raffreddore si tramuti in settimane, o mesi, di stop.

Questo poi ha conseguenze sulla nostra forma, benessere, salute, autostima e sulla qualità dei nostri rapporti.

Il mio consiglio è di non entrare in panico in caso di una salute cagionevole, e capire come prima cosa di che tipo di raffreddore si tratta.

COME ALLENARSI CON IL RAFFREDDORE?

Nel caso in cui hai il via libera per allenarti, allora non esitare nemmeno per un secondo.

come allenarsi con il raffreddore

Alza la testa, stringi un po’ i denti e vai ad allenarti.

Anche questa volta, però, con criterio.

In caso di un leggero raffreddore ha senso adattare l’allenamento alla situazione, almeno in parte.

Soprattutto la sua intensità.

Non dimenticare che il compito principale dello sport durante un raffreddore è preservare il momento per rimanere nella tua routine vincente.

Gli allenamenti volti a una forma migliore, una percentuale più alta di massa muscolare e un consumo più veloce di grassi in eccesso salvali per quando il raffreddore passa completamente.

Quando la salute non è ottimale, quindi nel periodo intermezzo, prova ad usare circa il 60 % del tuo potenziale durante l’allenamento.

Per esempio, in caso di un allenamento con i pesi, diminuisci il carico ed evita esercizi complessi. Per corsa, ciclismo, nuoto, camminate e simili, invece, diminuisci la velocità.

SI PUÒ COMBATTERE IL RAFFREDDORE CON UNA SUDORAZIONE ECCESSIVA?

Durante una malattia qualsiasi altra strategia va scartata.

Con una sudorazione eccessiva non combatti il raffreddore più velocemente, anche se di questo sono convinte molte persone. Ricorda che questo è un mito; un inutile e ulteriore sforzo per il corpo.

A COSA STARE ATTENTI DURANTE L’ALLENAMENTO CON IL RAFFREDDORE

Oltre a ciò che abbiamo già menzionato, ti consiglio caldamente di seguire i prossimi sette consigli durante un raffreddore.

Soprattutto per evitare qualsiasi pericolo, e per tornare prontamente alla tua forma migliore.

  1. In caso di raffreddore cerca di allenarti all’aperto o a casa, altrimenti potresti passare più velocemente il virus agli altri. 
  2. Se cominci a sentire freddo, o ti senti mancare o respiri male, smetti subito di allenarti. 
  3. Durante un raffreddore non provare esercizi nuovi e più impegnativi.  
  4. Se ti alleni all’aperto, utilizza gli indumenti giusti (evitando così un’eventuale ipotermia a fine allenamento).
  5. Nei giorni freddi, copri la tua bocca con una sciarpa, anzi con la mascherina.
  6. Non dimenticare di idratarti.  
  7. Anche se non hai molta fame, continua a seguire un’alimentazione ottimale, in quanto la giusta quantità di grassi, proteine e carboidrati è importante. 

QUANDO TORNARE AD ALLENARSI DOPO LO STOP A CAUSA DEL RAFFREDDORE

quando tornare ad allenarsi dopo lo stop a causa del raffreddore

Se seguirai tutti i consigli sopra riportati ti garantisco che potrai superare un raffreddore leggero in pochi giorni; provvedendo così a ritornare in forma nel minor tempo possibile.

Anche perché allenarsi durante un raffreddore influisce positivamente sul tuo stato d’animo, dandoti abbastanza energia positiva per superare questa disagiante situazione.

Un ultimo consiglio: per i primi allenamenti, diciamo 2-3, dopo che ti senti di nuovo perfettamente, cerca comunque di preservare un minimo di energia per risparmiare al tuo corpo un inutile shock.

Poi potrai di nuovo allenarti al limite.

Se ti mancano idee o vorresti qualcosa di diverso, non ti preoccupare.

ALLENATI A CASA

Per te ho preparato un particolare ciclo di esercizi che potrai fare dove vuoi, quando vuoi e senza attrezzi aggiuntivi.


Mattia Gheri - Allenati a casa

https://www.corpoperfetto.com/miallenoacasa/

Quindi, se non hai l’influenza o qualcosa di peggio, ti consiglio di cliccare sul link sottostante, scegliere uno degli allenamenti e cominciare subito la vera sfida. 

P.S. Hai qualche consiglio o trucco su come alleviare i sintomi del raffreddore, o come combatterlo efficacemente? Se sì, allora scrivilo nei commenti e condividilo con gli altri. Grazie!

PRODOTTO CONSIGLIATO

Perfettamente Donna

SULL'AUTORE

Avtor

Mattia Gheri

Mattia Gheri è uno stimato esperto di trasformazione corporea e di dimagrimento. Ha aiutato oltre 20.000 allievi in tutta Europa a vincere la lotta contro il peso in eccesso. Inoltre, Mattia è cofondatore del portale Corpo Perfetto, dedicato a una vita attiva e sana, visitato ogni mese da oltre 100.000 lettori.